Perché la leggerezza descritta da Calvino è rilevante per noi - Res Novae

Home Scuola Territorio Attualità Attualità Estera Attualità Nazionale Cultura Tecnologia Sfogliami YouTube Contatti

Perché la leggerezza descritta da Calvino è rilevante per noi

25 Ott 2019 di Matteo Verbo in Cultura

“La leggerezza, la rapidità, l’esattezza, la visibilità, la molteplicità dovrebbero in realtà informare non soltanto l’attività degli scrittori ma ogni gesto della nostra troppo sciatta, svagata esistenza” (Gian Carlo Roscioni – quarta di copertina alla prima edizione)

Lezioni Americane (originariamente Six memos for the next millennium ), pubblicato nel 1988, è il libro di Italo Calvino, che meglio rappresenta la filosofia di questo grande autore. Infatti, il tema delle lezioni che avrebbe dovuto tenere all’Università di Harvard ( Poetry lectures ), era: “Alcuni valori letterari da conservare nel prossimo millennio”. Purtroppo l’autore morì nel settembre 1985 e non riuscì a presentare questo capolavoro. I contenuti della prima edizione furono recuperati dalla moglie Esther Calvino e poi rielaborati.

In Lezioni Americane , Calvino parla di cinque concetti fondamentali (del sesto, “sul cominciare e sul finire “, si hanno solo degli appunti sfusi) che riguardano non solo la letteratura, ma anche qualsiasi altra forma espressiva e la vita in sé: la leggerezza, la rapidità, l’esattezza, la visibilità, la molteplicità. Soffermiamoci soltanto sulla prima lezione, quella che ha come tema la leggerezza, per sottolinearne il significato allegorico che trapassa le pagine del testo come luce attraverso le finestre.

Innanzitutto, Calvino dice: “Prendete la vita con leggerezza, ché leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.

In questa frase ci sono così tanti significati che la mente corre a tutta furia alla ricerca di immagini da associare, concetti astratti da paragonare. È il sunto della filosofia di vita più saggia: da una parte invita a vivere con “leggerezza”, ossia con la capacità di non dare peso all’inessenziale, ma di liberarsene riuscendo appunto a “planare sulle cose”; dall’altra dice che essere leggeri non significa essere superficiali bensì essere un passo avanti rispetto a chi rincorre l’eccesso.

Calvino scrive inoltre: “la leggerezza per me si associa con la precisione e la determinazione, non con la vaghezza e l’abbandono al caso” ossia occorrono sia precisione che determinazione per essere leggeri.

Viene più naturale esprimere un concetto complesso attraverso l’accozzaglia di ragionamenti che rendono pesante la lettura, addirittura oscura, come il trobar clus di Arnaut Daniel, poeta della lirica provenzale; la fluidità e la chiarezza espositiva di un componimento derivano dunque da scelte stilistiche ragionate. Ed è ciò che faceva Calvino: una volta scritto il testo, lo rileggeva e tagliava ciò che non era necessario, che avrebbe potuto intralciare la scorrevolezza e l’ariosità del concetto da esprimere.

“Esiste una leggerezza della pensosità, così come tutti sappiamo che esiste una leggerezza della frivolezza; anzi, la leggerezza pensosa può far apparire la frivolezza come pesante e opaca”. Parafrasando le parole di Calvino, la “leggerezza pensosa”, ossia lo stato arioso dei pensieri che sorvolano l’inutile che appesantisce, a volte svela la natura della “frivolezza come pesante e opaca”: si rivela cioè come uno stato che annebbia la fluida lucidità e fa sprofondare nell’incompiutezza, nella confusione, nella sfocatura irresoluta.

Alla luce di questi concetti diventa ancora più interessante l’ incipit di Marcovaldo: “Il vento, venendo in città da lontano, le porta doni inconsueti, di cui s’accorgono poche anime sensibili, come i raffreddati del fieno, che starnutano per pollini di fiori d’altre terre”.

Oltre alle infinite citazioni letterarie che si potrebbero fare, questa è la perfetta sintesi della leggerezza: parole semplici, fluide come una melodia composta su carta, che esprimono un concetto con la giusta importanza senza il peso dell’eccesso.

Perché la leggerezza descritta da Calvino è rilevante anche per noi, che viviamo nel 2019, ben 35 anni dopo la pubblicazione delle Lezioni Americane ? Che necessità c’era di riproporre questo libro?

La risposta è abbastanza semplice: nella società in cui viviamo, siamo immersi nella pesantezza di tutti i giorni, nello stress, nella rabbia, nell’insoddisfazione, nelle delusioni, nelle aspettative e così via.

Tutto ciò spesso ci fa dimenticare la natura stessa di vita, il carpere diem , l’amore dell’attimo fuggente, la vera importanza che si deve dare alle cose, perché tutto è un divenire, come diceva Eraclito, e perciò transitorio.

Così, come spunto di riflessione, pensiamo all’eleganza della leggerezza, capace di liberare dai “macigni sul cuore” e di elevare alla forma mentis massima. Come una metamorfosi, le ali prenderanno il posto delle catene.

Taggato con: esattezza , italocalvino , leggerezza , letteratura , letteraturaitaliana , lezioniamericane , molteplicità , rapidità , visibilità

Riguardo l'autore Matteo Verbo

Matteo Verbo, frequenta il Liceo Classico e ama la poesia, la scrittura, la letteratura e la mitologia. È un Potterhead e un Arianator. Fa equitazione da sempre, suona il violino e ama la musica.

Lascia un commento Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati .

Articoli recenti

Attualità CTF (Capture The Flag): giovani hacker si danno battaglia 0 commenti Attualità Koontz e il romanzo che “predisse” il Covid 0 commenti Attualità Come la didattica digitale ci ha cambiato la vita 0 commenti Attualità L’idea di Giustizia attraverso i secoli 0 commenti Scuola “Nessuna occupazione al Liceo Pertini”. La nota del DS Fabia Baldi 0 commenti

Commenti recenti

Alessio su Monica Gagliano, la ricercatrice che studia la coscienza delle piante Antonio Cuscito su Biden, un nuovo presidente per cambiare rotta Antonio Cuscito su Grazie, Ghassan Annalaura Romoli su Biden, un nuovo presidente per cambiare rotta Duilio Caia su Biden, un nuovo presidente per cambiare rotta

Archivio

Archivio Seleziona il mese Febbraio 2021 Gennaio 2021 Dicembre 2020 Novembre 2020 Ottobre 2020 Giugno 2020 Maggio 2020 Aprile 2020 Marzo 2020 Febbraio 2020 Gennaio 2020 Dicembre 2019 Novembre 2019 Ottobre 2019 Luglio 2019 Giugno 2019 Maggio 2019 Aprile 2019 Marzo 2019 Febbraio 2019 Gennaio 2019 Dicembre 2018 Novembre 2018 Ottobre 2018 Agosto 2018 Luglio 2018 Giugno 2018 Maggio 2018 Aprile 2018 Marzo 2018 Febbraio 2018 Gennaio 2018 Dicembre 2017 Novembre 2017

Tag ricorrenti

Alternanza Scuola Lavoro amore arte cambiamenti climatici Cerveteri cinema Cinema Lucciola Concorso coronavirus cultura diritti umani donne femminicidio film Giovani Intervista Italia Ladispoli lavoro legge letteratura libri libro liceo Liceo Pertini Liceo Pertini Ladispoli Mostra Musica Neve nobel pace Poesia politica premio nobel prevenzione Res Novae roma scelta scritti e manoscritti scuola shoah sogni teatro Trump violenza sulle donne

Res Novae

La redazione Come contattarci F.A.Q. Regolamentazione area commenti Note legali Privacy Policy Res Novae © 2017-2020 Res Novae. Contenuti distribuiti con licenza CC BY-NC-SA 4.0 | Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 3/2018 del 29 marzo 2018 | Direttore responsabile: Giovanni Piazza | Vicedirettore: Gianna Cappella |
Posted 28 Comments